Come registrare un dominio Web

Il sig. Rossi ha sempre sentito parlare di indirizzo Web, ma non ha la minima idea di cosa questi termini possano significare e di come eventualmente registrare un dominio.
Decidiamo di aiutarlo e iniziamo spiegandogli che i due termini indicano esattamente la stessa cosa, cioè l’identificativo univoco di un sito internet.

Un po’ come il nostro esatto indirizzo di casa, il dominio web consente agli utenti di raggiungere il sito al quale è stato abbinato.

Quando digitiamo un indirizzo nel nostro browser, il programma che utilizziamo per navigare su internet, non facciamo altro che instradarlo verso una destinazione precisa; per questo motivo bisogna digitare correttamente il nome completo del dominio internet, basta un carattere fuori posto e non giungeremo mai alla destinazione desiderata.

Cosa significano le sigle dei domini internet?

Il Signor Rossi, da buon osservatore, ha notato che i domini web non hanno tutti la stessa lunghezza, alcuni sono preceduti da WWW mentre altri ne fanno a meno, inoltre si è accorto che la parte finale di un indirizzo internet varia e spesso ricorda le sigle internazionali usate per identificare le Nazioni.

Iniziamo da quest’ultima caratteristica, l’estremità destra di un dominio (.it, .com, org. etc.) si chiama estensione, rappresenta il dominio di primo livello e può fornire molte indicazioni sul sito che ci accingiamo a visitare.

Come aveva giustamente intuito il Signor Rossi molti siti terminano con una sigla identificava nazionale, questi sono chiamati domini di primo livello nazionali ed ogni Stato ne possiede uno.

Le altre estensioni sono domini di primo livello generici e dovrebbero essere usati in base al tipo di sito per il quale vengono registrati; ad esempio l’estensione .com per i siti commerciali  e .org per i siti di associazioni private.

Questa regola non è affatto vincolante, ma è considerata un’indicazione di massima e chi sceglie un dominio può preferire l’una alle altre.

Oltre al primo esistono domini di secondo e terzo livello; i domini di secondo livello sono rappresentati da una parola, composta anche da lettere e numeri, più l’estensione, ad esempio freemania.it .

Possono essere utilizzate più parole separate dal trattino “-“ e non esiste una regola precisa per la scelta del dominio, salvo il buonsenso. I domini di terzo livello sono chiamati sottodomini e sono collegati ad un dominio di secondo livello principale, ad esempio tariffe.taglialabolletta.it; si impiegano solitamente in siti di grandi dimensioni e con più sezioni.

Ne sono un esempio i siti dei quotidiani o i portali di servizi come Yahoo, Msn o Alice. I domini di terzo livello sono inoltre utilizzati dai siti che offrono la possibilità di aprire blog e siti personali in forma gratuita, come wordpress.com.

Come registrare un dominio web?

Il Signor Rossi sarà curioso di sapere come si può registrare un dominio internet e chi bisogna rivolgersi per effettuare tale operazione.

Registrare un dominio, sia esso .it o internazionale, e’ un’operazione piuttosto semplice dato che esistono aziende specializzate proprio nella vendita di domini di secondo livello.

Il procedimento è piuttosto rapido e la parte più elaborata è spesso la scelta del nome del dominio da registrare, infatti può accadere che il nome che abbiamo in mente sia già stato registrato da qualcuno, ma possiamo tentare abbinando le varie estensioni disponibili o modificare leggermente il nome scelto.

L’acquisto e la registrazione del dominio si effettuano online ed è possibile pagare con la carta di credito, con il comodo sistema PayPal e in alcuni casi con il bonifico bancario.

L’attivazione per la maggior parte dei domini è quasi immediata, solitamente 3 ore o al massimo entro 24 ore dal pagamento.

La proprietà del dominio va rinnovata di anno in anno, solitamente allo stesso costo della prima registrazione; il mancato rinnovo fa decadere la registrazione e il nome a dominio può essere acquistato da chiunque.

Ma quanto costa registrare un dominio?

Tutto dipende dalla tipologia di servizi aggiuntivi; ad esempio il costo di un domain parking (registrazione senza spazio web) o redirect (cioè un dominio che reindirizza su un altro dominio) costa circa 10 euro annui, se hai bisogno di spazio web questo costo lievita verso i 20 euro annui, se hai bisogno di hosting professionale si arriva a centinai di euro annui.

Per approfondimenti su come e dove registrare un dominio, nonchè sul costo della registrazione dello stesso ti rimando alla sezione Domini.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *